Kardashian e ciabatte pelose. Come resistere al fascino perverso dell’antichic

La mia ospite Verde Alfieri ha aperto da poco il sito Theciabattepelose, in cui mostra le follie a cui ci porta la moda e il voler essere alla moda. Una piccola galleria degli orrori che si è rapidamente popolata, concentrata per ora intorno al tema peloso.

Le ciabatte pelose sono una perversione contemporanea, e la cosa più incredibile è vederle indosso a della gente vera, su dei mezzi di trasporto veri come la metropolitana milanese, e portate con vera fierezza.

Schermata 2019-02-06 alle 11.37.39

Ho ripensato alle ciabatte pelose qualche giorno fa, leggendo sul mitico The Guardian come le sorelle e cugine Kardashian continuano a influenzare la moda. Ci sono store online che mettono subito in produzione gli eleganti si fa per dire outfit che le signore si fa per dire Kardashian postano su Instagram. Il business e la velocità hanno fatto tornare la produzione in Gran Bretagna, perché andare a produrre in Asia o altrove era troppo lungo e alla fine costoso. I vestiti imitation Kardashian non sono fatti per durare e quindi sono veramente low cost e low quality. E naturalmente le lavoratrici che producono questi straccetti non sono pagate molto meglio delle loro socie asiatiche. Del resto la crisi ha sempre questo effetto, ci si adatta a essere pagati  poco pur di avere un lavoro.

E quindi lo stile Kardashian, l’antichic per eccellenza, che fa sembrare eleganti perfino certe ciabatte pelose, perdura e impera.

Noi donne ci lasciamo ingannare e crediamo sinceramente che basti indossare lo stesso abituccio striminzito e scollacciato di Kim Kardashian per conquistare qualcuno che ci cambierà la vita. Crediamo anche che basti una borsa di Louis Vuitton, un completo di Celine, una gonna di Dolce & Gabbana, per cambiarci la vita.

Schermata 2019-02-06 alle 11.40.14

È tutto umanissimo. È tutto comprensibilissimo.

Certo se studiassimo di più, se leggessimo di più, avremmo anche qualche strumento in più per ignorare le Kardashian e vestirci da noi stesse. È una strada lunga, che in molte, moltissime di noi fanno. E che speriamo facciano in sempre di più.

Le Kardashian hanno già guadagnato abbastanza, non preoccupiamoci per loro.

Pensiamo a noi stesse. Ci farebbe un gran bene!

Anna da Re, blogger di ChicAfterFifty e opinionista per DonnaModerna.com

Annunci

Una risposta a "Kardashian e ciabatte pelose. Come resistere al fascino perverso dell’antichic"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.